Le base cannoniera

Non sappiamo quando fu costruito il torrione nei pressi della basilica di San Nicolò, dove ora si innesta il campanile. Borghi ipotizza che la costruzione sia avvenuta nei lavori di rifacimento del 1442, di cui si parla in una lapide rinvenuta nei suoi dintorni. Sicuramente, anche se alcuni storici lo negano, il torrione è rappresentato nell affresco conservato nel castello Mediceo a Melegnano.
Questo affresco, essendo della prima metà del XVI secolo, può essere considerato la più antica raffigurazione del borgo fortificato di Lecco. In esso, possiamo vedere il torrione dietro l antico campaniletto della chiesa di San Nicolò, testimonianza del fatto che la sua costruzione risale a una data precedente.
Nel corso degli anni, la funzione militare del borgo di Lecco andò a discapito della sua crescita, in quanto chiuso e soffocato da mura strette, mentre le costruzioni al di fuori di esse venivano continuamente distrutte dalle incursioni nemiche.
Le residenze dei benestanti si spostarono nelle vicinie quali Castello e Acquate: tutti i rioni crebbero, mentre il borgo principale rimase strangolato dalle sue stesse fortificazioni, che tanto lo avevano reso importante agli occhi dei potenti. Non è un caso che, solo dopo l abolizione del suo status di roccaforte militare nel 1782, Lecco iniziò a crescere, tanto che Alessandro Manzoni affermò che presto sarebbe diventata una città.

LAPIDE A RICORDO DI LAVORI ALLE FORTIFICAZIONI DI LECCO: QUESTA OPERA VENNE FATTA AL TEMPO DEGLI SPETTABILI E EGREGI UOMINI SIGNORI GUIEN DA COCONATE E PIETRO DEI GHIRINGHELLI COMMISSARIO E PODESTA DI LECCO NEL 1442

Notizie

Vieni a Lecco

Non perdere l'occasione di passare un'ora immerso nella storia dell'antico borgo, salendo all'interno di uno dei campanili più alti d'europa e ammirare lo spettacolo della città avvolta dal lago e dalle splendide montagne.

Prenotazioni

Per contributi e offerte

C.C. BANCARIO Parrocchia San Nicolò
IBAN: IT21E0323901600670002154758 Causale: Progetto Campanile San Nicolò Lecco

Grazie